Lunga è la via

Quando i bambini disobbediscono, camminano distante, mi ignorano e non mi ascoltano.

Quando i finali di stagione ti lasciano l’amaro in bocca, l’impressione di essere stata presa in giro e tanta voglia di soffrire di più.

Quando il pc ronza, ronza, ronza e tu cerchi di scrivere ma arrivi alla fine con un gran mal di testa e basta.

Quando l’aria inizia a cambiare e tu non sai più se le cose vanno bene, se è solo la circostanza generale, se è una congiunzione negativa ed è per questo che sei in preda al panico.

Quando non sai. Non sai cosa farai nel weekend, non sai se avrai la possibilità di andare alla JiBCon, non sai se Jared sta bene, non sai come sta la tua ex, non sai se riuscirai a finire di scrivere la storia che hai in mente, non sai se riuscirai a prenderti cura della persona a cui vuoi più bene.

Quando sei emozionale. Quando le cose più cretine ti fanno sorridere e le cose più lievi piangere come una fontana. Quando essere lasciata indietro è…beh, essere lasciata indietro, e fa male come se succedesse davvero e per sempre. Quando guardarsi le mani e trovarle piccole è un motivo per sentirsi persi.

La via è lunga e la giornata pure.

A volte al punto che nemmeno le insalate con avocado la salvano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...