Smarrita

Ricordo il tavolino della caffetteria del Waterstone.

Ricordo una vetrata immensa, su una delle strade principali del centro di Oxford.

Ricordo l’autunno, i colori incredibili, il sole della sera e il modo in cui bacia gli edifici di Oxford e li fa risplendere. Non so se sono più gelosa di Oxford o del sole.

no, credo di esserlo di Oxford: il sole è roba mia e ci sarà sempre, Oxford è una dei tre amanti di Verde Acqua. Comprensibile: quando il sole bacia gli edifici, e l’acqua del Thames, e ogni foglia…non è un tradimento che non posso perdonare

Ricordo il primo morso, il modo in cui la frolla ha cantato contro i miei denti, la copertura di cioccolato bianco che s’infrangeva, il limone che mi attaccava con cattiveria la lingua.

Ricordo la commozione che partiva dalla gola e si irradiava per tutto il corpo, gli occhi lucidi per la bellezza di quell’attimo, i profili bagnati della strada.

Ricordo di aver pensato che volevo vivere in quell’attimo per sempre.

 

Devo avermi lasciato là, perché non mi trovo più.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...