Guerra Vento Carta Amore

Sventa da morire.

Un bidoncino dell’umido –o il suo equivalente inglese, diciamo– è quasi volato via e la casa è circondata da rumori agghiaccianti. Ora che è così buio è un casino ma prima, qualche ora fa, era bellissimo: aria limpida, una luce incredibile, un cielo in cui le nuvole si rincorrevano.

quand’è che sono diventata così banale?

Stamattina ho passato qualcosa come due ore a incartare regali di Natale non miei: ho il sospetto che J stia spendendo sul migliaio di sterline per fare i regali, perché solo quelli del marito sono nove –anche se sono tutti molto piccoli e utili– e quelli della figlia, l’ultima volta che ho controllato, erano cinque. In più ogni giorno arriva un pacco nuovo, da Amazon o altri cataloghi e la cosa inizia a rasentare l’incredibile.

Comunque sì, amo incartare le cose e sono anche piuttosto bravina.

Francamente non so di cosa parlare oggi. Una parte di me aveva distrattamente iniziato l’ennesimo post dichiarazione-d-amore per una persona speciale che domani compie gli anni e alla quale non sono ancora certa di voler fare gli auguri, ma poi ho pensato che la situazione era già abbastanza problematica.

per un attimo ho sentito l’Universo lamentarsi che, non avendo un compleanno, si sentiva tagliato fuori

La verità è che ho sentito passare la parola guerra e che dopo aver guardato Nuremberg sabato mi stanno venendo i brividi e non so cosa pensare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...