Oche, fiumi e ponti

Mi sono appena chiesta come appare questa stanza da fuori.

Ho una bellissima finestra da altezza ginocchia fino al soffitto e che si affaccia proprio sul vialetto che porta al portone d’ingresso, quindi potete immaginare come sia facile che qualcuno ci lanci dentro un’occhiata. Al momento la luce accesa è solo il potente faro della mia scrivania atelier, quindi non si vede granché, ma sono domande che escono, ogni tanto.

Oggi posto presto, perché ho un mal di testa fotonico e sono stanca.

Ho trascorso la mattina e parte del pomeriggio a girare come una trottolina per Oxford, lasciando meno CV di quanti avrei voluto lasciarne ma più di quanti mi aspettassi. Sono stata ovunque nella zona del centro, nel mercato coperto, nella piazza del mercato, al fiume e perfino in un paio di supermercati –nel vano tentativo di fare la spesa: purtroppo i prezzi non mi convincono.

Anche stavolta avevo l’incredibile Cì al mio fianco, ancora una volta a causa di uomini: lamentandocene mestamente ci siamo unite passeggiando alle oche sulla riva del fiume –coraaaggio, lo so che volete fare una battuta, fatela pure, niente che non sia stato già visto– approfittando del tempo non proprio schifoso che c’era prima delle due. Schivando pozze fangose e animali molesti ci siamo infine sedute su un’attraente panchina –le parole non sono mie– ad ascoltare lo schiamazzare dei suddetti animali molesti e lamentarci del prezzo dei pomodori.

Ad un certo punto mi si è avvicinata un’oca -una di quelle grigie, che a me piacciono anche più di quelle bianche– e ha iniziato a soffiare prepotentemente.

Io ho ribattuto che non avevo niente di buono da mangiare ma quando Cì ha caritatevolmente commentato che lei in effetti del pane ce l’aveva e ha iniziato a frugarsi nella borsa all’improvviso le oche sono diventate prima due poi cinque. Hanno fatto le indifferenti, per un paio di minuti, facendo finta di bere dalle pozzanghere con quel modo tutto particolare che hanno, poi si sono avvicinate ancora e ancora, finché Cì non è saltata in piedi e si è allontanata in fretta, al grido di Salva quei cavolo di pomodori da tre pound!

cosa che ho fatto appena in tempo: le oche avevano già cambiato idea sul menù

Mentre pensavo a cosa scrivere –siamo onesti, a cos’altro scrivere: la cosa delle oche, come ho detto a Cì, sembrava fatta apposta– mi è tornato in mente un episodio di un anno fa, quando confessavo a queste pagine una cotta per una ragazza alla pari che lavorava a Reigate. Qualcuno di voi potrebbe addirittura ricordarsi la vicenda e il modo molto stupido in cui, nonostante sapessi che lo leggeva, mi sono permessa di scrivere sul blog What if I have a crush on you?

Ho ricordato il momento di imbarazzo quando mi ha scritto C’è qualcosa che mi devi dire?, ma anche la giornata passata insieme a Cambridge, i suoi abbracci, il modo in cui ha corso tenendomi per mano per evitare che perdessimo il treno, il modo in cui ci siamo accoccolate insieme sui sedili e ci siamo quasi addormentate.

momento nuvolette rosa

Good, ho già perso il filo.

A volte ci sono cose che vorremmo che le persone a noi vicine capissero, o sapessero, pensando di fare del bene, a volte non tanto con il desiderio di un tornaconto personale ma solo perché si suppone che certe cose possano far piacere. Mi sono presa il Premio Tontarella da Cì, l’altra sera, ma a questo punto mi sta venendo il dubbio che sia semplicemente meglio lasciare che le cose scorrano, passare sul fiume e vedere che c’è dall’altra parte.

mioddio come dev’essere frustrante leggere senza capire cose che voglio dire ma non posso dire apertamente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...