Le Giornate che Non Ti Aspetti

Ad esempio.

Sapevo che volevo andare da Hobbycraft, oggi, dato che ieri mi sono comprata un biglietto da 24 ore e oggi potevo andare dove volevo.

Non mi aspettavo tuttavia che Cì venisse con me. Come non mi aspettavo che squittisse come un animaletto felice per tutto il tempo che siamo state nel negozio.

io stessa ho squittito come un animaletto felice tutto il tempo che sono stata nel negozio, la prima volta che ci sono stata. E aggiungiamo un’altra voce alle cose che io e Cì abbiamo in comune

Siamo state anche in un negozio di animali, dove la vista di un adorabile conigliettino nero mi ha fatto venire un’incredibile nostalgia per la mia Sushi. Grazie al cielo non manca molto al mio rientro a casa ma temo che non me la potrò godere troppo, visto come mi mette il muso ogni volta che torno…

e sì, mi sta venendo voglia di tenere un animale qui in casa

Da Hobbycraft Cì ha ceduto al fascino delle lavagnette magnetiche e delle scatoline colorate –lo ammetto, non ero troppo distante dal comprarne un set anche io– mentre io ho comprato un filo di metallo supersottile per provare una tecnica nuova sulla quale sbavo da anni.

Grazie Universo per i rocchetti di filo che costano solo £1.5.

Non mi aspettavo nemmeno che Lady Midnight fosse già in giro ma me lo sono ritrovato davanti mentre aspettavo Cì da Waterstone e sono stata a tanto così dal correre a comprarmelo.

forse le persone serie non dovrebbero avere un debole per i libri della Clare ma, due cose a parte, io non sono una persona seria

Abbiamo bighellonato un po’ per Oxford, visitato il mercato del sabato mattina, constatato il preoccupante livello dell’acqua del fiume, parlato dei problemi dell’essere una ragazza del Cancro e di come finiamo per essere entrambe –sono anche io nel giro, Cì– una specie di calamità naturale e riso come solo noi sappiamo fare.

Grazie Universo per aver mandato Cì.

Poi, siccome le cose improvvisate sono le migliori, abbiamo incrociato un paio di amici fuori da un pub e deciso che la giornata prevedeva la visione della partita di rugby Italia-Irlanda e un pranzo tutti insieme: abbiamo diviso una serie di stuzzichini interessanti e chiacchierato del più e del meno, mentre sullo schermo…mi limito a riportare i punteggi: 58-15 per l’Irlanda.

Grazie Universo per gli amici che si prestano a riunirsi in ogni dove e in ogni occasione.

Siccome poi le cose improvvisate sono sempre le migliori mi sono unita alla mia amica Vale per un po’ di chiacchiere da Combibos, l’adorabile posticino che gli Italiani a Oxford usano ormai quasi sempre come base per i loro caffé della domenica.

Le chiacchiere hanno incluso latte di soia e biscotti, poi una passeggiatina, poi un giro di bus fino a Summertown, poi una spesa e infine una pizza –rigorosamente con tonno e cipolle– a casa mia, dove Jo ci ha fatto piacevolmente compagnia –senza smettere di punzecchiarmi nemmeno un attimo– mentre un documentario in tv parlava di ornitorinchi ed echidne.

Oggi ho avuto anche più voglia di ieri di scrivere.

Mentre giocavamo con le perline e Vale esercitava il suo OCD sui miei sacchettini un po’ mescolati, mentre spulciavamo insieme tra i miei lavori grafici, mentre scoprivamo di avere una passione insospettabile in comune, io pensavo ai miei mondi, ai miei piccoli personaggi, a quelle sei ragazze nate in un posto che non ho inventato io ma alle quali vorrei a tutti i costi dare un futuro.

Mi prudono le mani, ancora una volta.

Grazie, Universo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...