Lontano, lontano e lontano

Avevo in mente un bel post succoso, su come la primavera mi abbia colpita e affondata, su come la mia città sia un posto adorabile dove tornare e su come alla fine della giornata le cose che ti ritrovi nella borsa sono sempre un riflesso della tua anima, ma no.

Ho deciso che 1. pubblicherò, for no reason, una serie di foto di capibara

come mai abbiano così successo dal punto di vista sociale non lo capisco ma mi adeguo. Comunque sono dei roditori, per chi sperimentasse dei dubbi

2. rimarrò in un silenzio allibito per gli eventi di oggi, non solo perché ho il terrore che qualcuno di caro alla mia landlady possa essere stato colpito –dato che lei ha vissuto metà della sua vita a Bruxelles– ma perché all’improvviso la questione della sicurezza degli aeroporti mi preoccupa moltissimo –non sto parlando necessariamente della mia– e perché, francamente, credo che non ci si possa permettere di aggiungere granché. Ci sono persone orribili nel mondo, in qualunque parte del mondo, e non ho intenzione di perdermi in etichette e discriminazioni.

3. credo che mi infilerò qualunque cosa possa sostituire un pigiama e andrò a letto, se non altro per tentare di recuperare le tre notti che, per angoscia, per farfalle nello stomaco o per semplice caffeina, mi sono state sottratte

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...