In Love Once More

C’è un modo sicuro per far accadere qualcosa di interessante, ed è postare molto prima di andare a nanna. Nel momento in cui inizio a scrivere non sono nemmeno le sette ma la giornata è stata già così viva e piena che non mi aspetto migliori.

Non ne avrebbe bisogno in ogni caso.

Per giudicare se una giornata è andata bene o no basta aprire lo zaino e guardare cos’è tornato a casa, quindi sedetevi comodi…proprio come nei video di Quelle Youtuber, Cosa C’è Nella Mia Borsa!

– una stecca di cioccolata Cadbury al gusto Oreo alla menta. Era in offerta ad una sterlina da WHS e mi chiamava…si è poi rivelata una scelta azzeccata perché l’autista del bus che andava a Headington sembrava aver avuto una lunga giornata e quando ne ho divisa metà con lui è sembrato molto contento…

– una scatola di the verde di Starbucks, che il mio amico Uno mi ha amorevolmente regalato. In quanto barista avevo diritto ad una scatola di the alla settimana, ma per l’ultimo mese nel quale ho lavorato c’è stata una tremenda penuria di the e io sono rimasta senza. Oggi sono stata a trovarlo ed è stato così gentile da regalarmela. Shtellina!

– il mio ereader –sto leggendo Mary Poppins, in attesa del nuovo film che hanno intenzione di fare

– un chilo di mandorle –mangio una manciata di mandorle al giorno e le avevo quasi finite

– due paia di t-shirt bra velvet touch alla modica cifra di 16 sterline, perché i ferretti dei miei hanno fatto una brutta fine nella lavatrice l’ultima volta. E poi diciamocelo, quello che all’inizio era color carne ora è color zombie adirato

una penna. La cosa più stupida del mondo, io che ho sempre mezze idee e spunti e momenti buchi in cui prendere appunti e riflettere non ho una penna nello zaino. Oggi ho dovuto spendere 79 cent per una penna, ma pensate un po’.

– un taccuino. La seconda cosa più stupida del mondo, io con tutti i taccuini che accumulo a casa non ho ancora imparato a viaggiare con un taccuino. Ne ho comprato uno in super offerta a una sterlina e quaranta perché la prospettiva di passare 3 ore da Starbucks –è vero, c’è Uno, ma Uno lavora e non è che posso rompergli le balle 24/7– senza una superficie su cui scrivere non mi piaceva ma mi sono scocciata parecchio.

– una borsetta di plastica umidiccia, perché oggi sono stata in giro in bici nonostante la pioggia e siccome il mio sellino ritiene l’acqua e io non voglio andare in giro con macchie sospette sul retro dei pantaloni proprio mentre sono in giro a guardar stanze.

La ricerca di un nuovo posto dove vivere si sta rivelando un po’ deludente: forse sono troppo abituata alla qualità di questa casa ma le stanze che sto vedendo sono tutte brutte sporche piccole e puzzolenti. Domani devo vederne altre tre, speriamo in bene!

 

Comunque, Oxford umida dopo la pioggia, con il sole calante, era di una bellezza mozzafiato.

Pedalando verso casa, dopo aver preso due autobus ed essere stata ovunque e aver sperimentato giramenti di testa random, mi sono lasciata affascinare dalla primavera che sta piano piano seducendo la città più bella del Regno Unito, e per un attimo mi sono chiesta che aspetto avrebbe se fosse umana.

sono una scrittrice, non aspettatevi che la mia mente funzioni in maniera sensata

Sarebbe un uomo? Una donna? Che età avrebbe?
Ricambierebbe il mio amore?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...