Listening to Hannah Baker, 02

Odio postare dopo la mezzanotte e sballarmi il post quotidiano ma odio anche di più andare a letto senza postare, quindi stringete i denti come faccio io e leggetemi anche dopo la mezzanotte.

Oggi dovevo vedere la mia cara amica E dopo due settimane di assenza.

In genere i nostri pomeriggi iniziano verso le cinque, quando ci troviamo di fronte al lussuoso M&S e scegliamo qualcosa di oscenamente godurioso da dividerci di fronte ad una tazza di tè, e proseguono in genere fino alle sette quando Starbucks chiude e nonostante siamo V.I.P. ci cacciano via.

Oggi ero un po’ in anticipo.

Diciamo in anticipo per sbattere addosso ad un Mr. Gatto più sexy che mai, che invece di andare a casa alle tre quando finisce il suo turno resta in giro fino alle cinque.

Diciamo appena in tempo per decidere che le risorse non permettevano di affrontare la cosa con la maturità e nonchalance che mi contraddistingue.

le persone che mi conoscono dal vivo possono utilizzare questo spazio per ridere-

Diciamo in tempo per voltarmi uscire e produrre versi da piccolo roditore frustrato in mezzo al parcheggio delle biciclette.

Ho chiacchierato amabilmente con E. per il resto del pomeriggio finché non ha dovuto fare la spesa, dopodiché sono tornata da Starbucks per mettermi in pari con le faccende del negozio. Questo finché V non mi ha lanciato un Guarda che ti ha visto.

Capitolo Quattro, Dove Iku Non E’ Così Discreta Come Vorrebbe Credere

 

Il motivo per cui non sono ancora andata a letto e sto postando dopo la mezzanotte è che dovevo finire 13 reasons why. E’ uno show che tutti dovrebbero vedere e che getta una luce molto inquietante sullo stato di empatia della nostra società.

Non è un caso che, dopo essere uscita di corsa da Starbucks e aver deciso di allontanarmene io mi sia sentita così male. Quale valida ragione puoi avere per non passare del tempo con una persona alla quale tieni così tanto? E se questa fosse stata l’ultima occasione che avevi di vederla?

Ora, io sono molto influenzabile quando si parla di queste cose. Più volte nella mia vita sono stata ad un passo dal camminare sullo strapiombo, quasi sempre per l’ammucchiarsi di fallimenti e dolori sulle mie spalle, e capisco benissimo il concetto di una lista di 13 persone che, un passo alla volta, hanno contribuito a portare una ragazza sullo strapiombo e oltre.

Ho guardato il telefilm con un nodo alla gola, chiedendomi quanto ne fossi distante e ascoltando le diverse reazioni dei personaggi. In questo ultimo episodio uno di essi dice quando una persona prende una decisione del genere nulla di quello che puoi fare potrebbe farle cambiare idea. Altri dicevano sta solo passando quello che stanno passando tutti.

Non sono ancora riuscita a decidere cosa ne penso ma so due cose…che nessuno può comprendere le ripercussioni che una qualsiasi azione può avere sulla vita di un’altra persona –e che perciò dovremmo seriamente riconsiderare la nostra politica verso gli altri– e che quando V mi ha guardata e mi ha detto He Was Very Upset mi sono sentita una merda.

Dubito fortemente che la mia esistenza influenzi quella di Mr. Gatto a tal punto ma non ho potuto fare a meno di preoccuparmi dell’effetto che la mia azione, in cima a tutto quello che sta passando, possa aver avuto su di lui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...